Obbligazioni

Le obbligazioni rappresentano un titolo di credito emesso da un’azienda privata o da un ente pubblico per raccogliere i finanziamenti di cui necessita per l’esercizio della sua attività.

Con una differenza fondamentale: le finalità che la raccolta di risparmio cerca di perseguire . Mentre il debitore privato ricorre al prestito obbligazionario per finanziare lo sviluppo della propria attività , e quindi può indirettamente migliorare il prodotto interno lordo, grazie per esempio alla possibilità di esportare i beni prodotti, quello pubblico potrebbe essere costretto a emettere prestiti sia per sostituire quelli in scadenza  sia per pagare gli interessi complessivi che maturano sul suo debito. . Questa ipotesi certo non produce ricchezza aggiuntiva.

Una delle differenze tra il comparto pubblico e quello privato è la liquidità dei titoli in circolazione: molto elevata per le emissioni pubbliche, spesso molto modesta per i titoli societari , detti anche Corporate.

Molto spesso , un collocamento di prestiti societari corrisponde , per quantità, a circa la quindicesima parte di un’emissione pubblica.

Proprio per la quantità dei titoli in circolazione, per i titoli di stato c’è una grande facilità di acquisto e di smobilizzo , mentre si possono incontrare maggiori difficoltà per l’acquisto o la vendita dei titoli societari o corporate.

Anche il prezzo del titolo è in funzione della quantità in circolazione ed infatti per i titoli di stato c’è maggiore garanzia di tenuta del prezzo.

Fiscalità

Da Luglio 2014 l’imposta sulle rendite finanziarie è salita dal 20% al 26%, con l’eccezione di quelle derivanti dalla compravendita dei titoli di stato e dei buoni fruttiferi postali i  quali continuano ad essere assoggettati  a un’aliquota agevolata del 12,50%. sia per quanto riguarda le cedole sia per le eventuali plusvalenze.

Resta al 12,5% anche la tassazione di cedole e plusvalenze relative a bond emessi da amministrazioni statali, anche ad ordinamento autonomo, enti territoriali, enti pubblici istituiti per l’esercizio diretto di servizi pubblici in regime di monopolio e enti sovranazionali, come Bei, Ceca, Birs, Euratom e Bers. Stessa tassazione al 12,5% per gli Stati esteri che fanno parte dell’elenco degli Stati con i quali è attuabile lo scambio di informazioni ai sensi delle Convenzioni.

Richiedi InformazioniVuoi avere maggiori informazioni su questo specifico argomento? Compila il modulo sottostante e verrai ricontattato dal nostro team.

Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa Privacy rilasciata ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento UE 2016/679 e rilascio il mio consenso al trattamento dei Dati Personali *