Area Privati

Area Privati

EFiP ha sviluppato una specifica area formativa per aiutare i privati cittadini nel comprendere adeguatamente elementi, concetti e tecniche economico-finanziarie per una giusta e sicura amministrazione del proprio risparmio.

Lo scopo di EFiP è quello di mettere a disposizione di tutti coloro che vogliono entrare in contatto con il mondo della finanza, strumenti di educazione finanziaria per migliorare la conoscenza di questo settore.

L’idea formativa è quella di andare a stimolare un approccio economico-finanziario lucido e consapevole nell’ambito della vita reale.

Il programma didattico verterà su argomenti specifici come la Pianificazione Patrimoniale, la Pianificazione Successoria e la Pianificazione Fiscale, in modo da riuscire a fornire elementi chiari e specifici.

Programma Area Privati


Il patrimonio và gestito nella maniera più appropriata possibile . Non basta avere il corretto strumento finanziario in portafoglio ne tantomeno essere uno dei soci di un azienda , bisogna, altresì, intraprendere un attività orientata ad una corretta gestione del patrimonio. Questa attività va sotto il nome di pianificazione patrimoniale.

Esistono diversi strumenti messi a disposizione del legislatore ed ognuno di essi ha la sua finalità.

Quelli più diffusi sono:

La donazione

A traverso il contratto della donazione il soggetto donante trasferisce un proprio diritto ad un altro soggetto donatario. La donazione può avere oggetto qualunque bene, sia mobili che immobili, facente parte del donante al momento in cui viene la stessa viene posta in essere.

I beni oggetto di trasferimento devono essere sia beni presenti e non futuri ad eccezione dei frutti non separati.

Il fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale è un istituto giuridico attraverso il quale si vanno a vincolare determinati beni come immobili, mobili registrati o titoli di credito per tutelare i bisogni della famiglia.

I coniugi ( entrambi o solo uno di essi ) o un terzo costituiscono il fondo patrimoniale per atto pubblico o per testamento.

L’obiettivo del fondo patrimoniale mira al soddisfacimento delle esigenze di famiglia in quanto meritevoli di tutela dal nostro ordinamento giuridico. Per tale finalità il fondo patrimoniale costituisce un patrimonio separato da quello dei coniugi e godono anche di protezione contro le aggressioni dei creditori ( escluse determinate condizioni)

Polizza Vita

Lo strumento assicurativo della Polizza Vita consente la designazione di uno più beneficiari a patto che si rispettino le quote di legittima obbligatorie.

Le polizze vita non rientrano nell’asse ereditario, infatti, come riportato nell’art. 1920 – 3° comma del codice civile, nel caso delle polizze vita l’atto di designazione del beneficiario è un atto unilaterale a favore di un terzo ed è un atto tra vivi nel senso che il beneficiario (o i beneficiari) non acquista il diritto al pagamento dell’indennità a titolo di legato o di quota ereditaria, ma iure proprio (per diritto proprio) in base alla promessa fatta dall’assicuratore di pagare il capitale al momento del verificarsi dell’evento assicurato. La morte dell’assicurato, evento assicurato, rappresenta il mero momento di consolidamento del diritto già acquisito inter vivos (tra vivi) e non mortis causa (a causa di morte).

Le polizze, da un punto di vista fiscale, sono esenti da imposte di successione.

Trust

Il trust protegge casa e beni dei componenti della famiglia da eventuali eventi indesiderati del futuro legati ad attività produttiva di genitori o figli.
Tramite il trust si ottiene quindi una protezione sia di carattere personale che patrimoniale, in modo tale che i beni seguano sempre la destinazione voluta dal disponente. Si possono proteggere case, auto storiche, eredità, quadri di valore, proprietà in genere, che in questo modo saranno custodite e protette da vicende personali o da creditori propri e di eventuali figli.
E’ importante che il disponente del trust non abbia pregresse situazioni di debito.

Atttraverso il trust un soggetto disponente ( setlor ) intende trasferire per donazione o per testamento ad un soggetto denominato fiduciario ( trustee ) beni o diritti di qualsiasi genere, nell’interesse del BENEFICIARIO. L’attività del trust viene controllata da una quarta figura , quella del guardiano ( protector ) che , in qualità di persona di fiducia del disponente vigila sull’attività del fiduciario.

Vediamo da vicino un caso pratico: un padre di famiglia che chiameremo Giovanni vuole destinare i suoi beni al figlio Paolo ancora minore.

Giovanni vorrebbe anche:

Che i redditi derivanti dai beni siano accumulati ed utilizzati per le esigenze della famiglia

che una parte dei beni possa essere a disposizione per eventuali cure mediche di Paolo e della moglie nel caso in cui i redditi non fossero sufficienti

che la casa in montagna possa essere goduta dai discendenti di Paolo e che non possa mai essere venduta in quanto appartenente alla famiglia da generazioni.

L'obbiettivo di una buona pianificazione successoria è quello di proteggere il proprio patrimonio anticipando eventuali problematiche future e considerando gli aspetti fiscali più convenienti.

Spesso accade che le maggiori controversie legate al patrimonio avvengono all'interno del nucleo familiare ed innescano meccanismi di cause e contro cause che durano all'infinito.

In genere ci si focalizza sul patrimonio personale ma quando il patrimonio in questione è rappresentato dalle aziende da trasferire la problematica è assai più complicata.

La macchina giudiziaria in Italia è abbastanza lenta per cui spesso accade che le sentenze arrivino in ritardo quando ormai il patrimonio è bello che consumato.

Provando a ricapitolare in una pianificazione patrimoniale vengono coinvolti beni e persone.

Per beni intendiamo: conti correnti, dossier titoli, attività finanziarie in genere, polizze assicurative, immobili, aziende, quote societarie.

Per persone intendiamo: coniuge, secondo coniuge, figli di primo e secondo letto, nipoti, ascendenti, soggetti disabili, creditori di vario genere.

Gli elementi citati si intrecciano nelle combinazioni più disparate meritando ognuna una soluzione appropriata.

La pianificazione fiscale attiene alla fiscalità di strumenti e servizi finanziari ed anche immobili e quote societarie.

Gli attuali sistemi di tassazione prevedono documenti e comunicazioni che si susseguono negli anni e riguardano periodi d'imposta diversi. Tutto ciò comporta la coesistenza di una pluralità di regimi fiscali intrecciati tra loro e spesso non correlati.

La necessità di far quadrare i conti non può prescindere dagli aspetti fiscali.

Richiedi Informazioni

Vuoi avere maggiori informazioni sulla nostra iniziativa di formazione per privati? Compila il modulo sottostante e verrai ricontattato da un nostro referente.

Dichiaro di aver preso visione dell'Informativa Privacy rilasciata ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento UE 2016/679 e rilascio il mio consenso al trattamento dei Dati Personali *